top of page

Robert Jerome Pagan e il suo messaggio ispiratore "Non aver paura di creare ciò in cui credi".

Aggiornamento: 6 apr 2023


Robert Jerome Pagan

Robert Jerome Pagan, è un regista teatrale e cinematografico portoricano e messicano-americano che ha fatto scalpore nell'industria dell'intrattenimento per oltre tre decenni. Nato e cresciuto in California, Robert ha avuto un viaggio incredibile, segnato da duro lavoro, perseveranza e una profonda passione per il suo mestiere. L'amore di Robert per la regia, la scrittura e la creazione è iniziato all'inizio della sua vita e ha proseguito la sua formazione presso diverse istituzioni prestigiose, tra cui Cal State East Bay, Pacific Conservatory of Performing Arts, Ashford University, Las Positas Community College e Chabot Community College. . Ha affinato le sue capacità dirigendo oltre 250 spettacoli teatrali comunitari e professionali e ha continuato a fondare diversi programmi teatrali di successo, tra cui il Los Banos Community Theatre Program, Fifth Wall Theatre Project, Workshop 44 e Los Broadway. Uno dei successi più significativi di Robert è la pluripremiata serie “LAST GASP”, che ha creato e diretto. Questa serie rivoluzionaria ha catturato il cuore del pubblico di tutto il mondo ed è stata salutata come una pietra miliare culturale. Robert è anche il regista dell'ode acclamata dalla critica all'America, "An American Posada", e il suo micro-cortometraggio "The Artist" ha vinto numerosi premi. Il talento e la dedizione di Robert non sono passati inosservati. È stato riconosciuto come Attivista dell'anno dal Merced LGBTQ Center e ha lavorato come direttore teatrale per la Fiera del Rinascimento della California settentrionale per sei anni. Ha anche lavorato per sei anni come California State Contact per l'American Association of Community Theatre. Le commedie teatrali di Robert, tra cui "Scapino's Revenge", "Wonderland: The Alice Story" e "Romeo and Juliet: Jerome Version", hanno vinto numerosi premi e riconoscimenti. Ha anche diretto e prodotto diversi film, tra cui "Last Gasp Stagione 1" e "An Oscar Winning Movie The Series", entrambi hanno ottenuto il plauso della critica e numerosi premi. L'incredibile percorso di Robert è una testimonianza del potere del duro lavoro, della dedizione e della passione. Il suo lavoro ha toccato i cuori e le menti di innumerevoli persone e ha avuto un impatto significativo sull'industria dell'intrattenimento. Con il suo talento e la sua determinazione, non c'è dubbio che Robert continuerà a creare opere rivoluzionarie che ispireranno e intratterranno il pubblico negli anni a venire.


Quando hai scoperto che questo era il tuo percorso professionale?

R- Sin da quando ero giovane, sono sempre stato fortemente propenso a creare e raccontare storie. Ero affascinato dalle persone e dalle loro motivazioni e mi chiedevo sempre quali sarebbero stati i risultati se avessero intrapreso azioni diverse. Avevo anche una passione per le esibizioni e ricordo ancora di aver messo in scena "Spettacoli di magia" per i miei compagni di classe di seconda elementare alla Proctor Elementary.

Quali filmmakers ti hanno ispirato?

R- Questa è una domanda difficile, ma inizierò col dire che come latinoamericano sono sempre stato affascinato e ispirato dalle opere di Luis Valdez. Dato il mio background teatrale, il suo impatto su di me è innegabile, e chi non ama La Bamba? Allo stesso modo, anche Julie Taymor, Baz Luhrmann, Gus Van Sant e Larry Clark sono stati una significativa fonte di ispirazione per me. Come avrai notato, le mie influenze non sono i tipici Spilberg o Tarantino. Invece, mi trovo attratto da artisti del calibro di Russell Mulcahy, che ha diretto alcuni incredibili episodi TV. Ad esempio, il primo episodio di Queer as Folk ha cambiato la mia vita da giovane gay, e Mulcahy è anche responsabile di alcuni dei migliori episodi di Tales from the Crypt mai realizzati.


Perché ti ispirano?

R- Ciò che mi ispira di tutti questi registi è che non hanno paura di correre dei rischi e di sporcarsi le mani. Hanno tutti imparato l'arte dell'equilibrio, creando mondi che possono sembrare stravaganti o spettacolari, ma non perdono mai la loro onestà. Non permettono agli attori o alla troupe di sminuire i mondi che hanno creato; invece, li guidano ad abbracciare quei mondi con vere emozioni e condizioni umane. Questo approccio si traduce in film che non sono solo sbalorditivi dal punto di vista visivo, ma anche emotivamente risonanti.


An Oscar Winning Movie è una commedia sul raggiungimento della maggiore età per due generazioni, qual è stata la sfida più grande per te?

R- Su tutta la linea, penso che la più grande sfida che abbiamo dovuto affrontare con questo show sia stata trovare l'attore giusto per interpretare Cameron. Trovare qualcuno che potesse conferire profondità e autenticità al ruolo è stato fondamentale e abbiamo cercato a lungo per trovare la soluzione perfetta. Inoltre, abbiamo dovuto filmare l'intero spettacolo in soli 15 giorni, il che è stato un notevole limite di tempo che ha richiesto un'attenta pianificazione ed esecuzione per garantire di catturare tutto ciò di cui avevamo bisogno.

Trattandosi di una serie web, quanti episodi dobbiamo aspettarci e dove possiamo guardarli?

R- La stagione 1 del nostro spettacolo è composta da sette episodi e puoi accedervi tutti sul nostro sito Web all'indirizzo www.rjeromep.com. www.rjeromep.com Siamo entusiasti di rendere lo show disponibile al pubblico di tutto il mondo e speriamo che le persone si divertano a guardarlo tanto quanto a noi è piaciuto crearlo.


Robert, anche tu interpreti un personaggio della serie, è stato difficile per te gestire le tue scene di recitazione con la tua visione di regia?

R- Avendo precedenti esperienze di regia in teatro e film, dirigere questo spettacolo non era estremamente fuori dalla mia zona di comfort. Tuttavia, avere grandi produttori esecutivi in ​​Geovani e Dana ha reso il processo tremendamente più semplice. Inoltre, lavorare a fianco di un meraviglioso co-direttore della fotografia in Joseph e di una grande troupe durante tutta la produzione ha reso l'esperienza molto più agevole.


C'è stata una scena difficile da girare? E se sì, quale e perché?

R- La parte più impegnativa delle riprese è stata la sequenza del Tiki Party, che è stata girata in diversi giorni, rendendo la continuità un fattore cruciale.


Questa serie web tocca diversi argomenti come farcela nel settore, ma anche trovare la tua identità, qual era il tuo messaggio dietro questo lavoro?

R- Per me, il messaggio più grande dietro questo spettacolo è stato un enorme dito medio all'idea del "modo giusto" di fare le cose. Gran parte dell'industria dell'intrattenimento, dalla musica e dal teatro al cinema, è soffocata dai vincoli del "pensiero bianco, cis-gender". Il mio messaggio è rivolto ai ragazzini queer marroni: non abbiate paura di creare ciò in cui credete, anche se non è considerato la norma. Dobbiamo uscire dagli schemi e creare nuove forme di espressione che rappresentino diverse prospettive ed esperienze.

Questo progetto è un'ottima rappresentazione della comunità LGBTQ+, abbiamo anche notato ciò che chiamano "Bisexual Lighting" in alcuni scatti e ha perfettamente senso vedere la sessualità consolidata del personaggio principale, dicci di più sul tuo processo cinematografico e sul tuo messaggio al comunità strana.

R- Ad essere onesti, l'illuminazione è stato uno degli elementi su cui mi sono concentrato di più. Volevo che il mondo avesse momenti di prefigurazione attraverso l'uso dell'illuminazione. Abbiamo usato molte scale di illuminazione per suggerire questi momenti. Una delle cose con cui volevo specificamente giocare era l'uso dell'illuminazione bisessuale, come un cenno ai tempi in cui l'orgoglio non era così pienamente abbracciato come lo è oggi. Volevo anche esplorare l'ideologia dello sfacciato erotismo del "ragazzo biondo", che è stato condizionato per essere l'epitome della sensualità per gli uomini gay della mia generazione. Ci sono molti elementi nella cinematografia dello spettacolo, dai primi piani alla quantità oltraggiosa di piedi maschili che presentiamo. Rendiamo anche omaggio ad alcuni dei momenti iconici queer esagerati con angolazioni estreme. Inoltre, i film horror e slasher sono stati iconici nella nostra comunità, quindi abbiamo incorporato nello show alcuni riferimenti al cinema horror della vecchia scuola. Nel complesso, l'obiettivo era quello di creare uno spettacolo di grande impatto visivo che rendesse omaggio a vari elementi della cultura queer.

The cast of An Oscar Winning Movie

Posso confermare che si è notto! Avete fatto un ottimo lavoro!

Quando si tratta del processo di casting, qual era il tuo obiettivo? Com'è stata l'esperienza?

R- Per me, il processo di casting è stato incentrato sulla ricerca di attori che fossero appassionati del progetto e che si identificassero veramente con esso. Volevamo persone che potessero portare onestà e autenticità alle loro esibizioni. La parte più difficile è stata trovare l'attore giusto per interpretare Cameron. Per me era importante trovare qualcuno che potesse dare qualcosa di unico e speciale al personaggio. Abbiamo visto molti attori di talento, ma è stato solo quando abbiamo trovato Jake che tutto è andato a posto. Ha davvero incarnato lo spirito del personaggio e ha dato così tanta profondità al ruolo.

Robert Jerome Pagan and Jake Leahy

Lo ha fatto sicuramente! Un fatto divertente su Un film vincitore di un Oscar?

R- L'intera cosa è stata girata in 15 giorni e non abbiamo avuto un cast di Cameron fino al giorno 7 delle riprese.


Wow, è un fatto molto divertente! Qual è la parte migliore del tuo lavoro, qual è la tua fase preferita nel processo?

R- Ogni passaggio ha il suo aspetto speciale, ma mi è piaciuto di più scriverlo.


Abbiamo adorato le tue serie web e hai ricevuto alcuni premi. Come sta andando con i festival finora?

R- Siamo entusiasti di come lo spettacolo sia stato accolto finora e speriamo che continui a fare colpo in più festival cinematografici. Abbiamo ricevuto molti feedback positivi, il che è sempre incoraggiante. Il nostro obiettivo finale è quello di creare più stagioni dello spettacolo, quindi teniamo le dita incrociate affinché il successo che abbiamo visto finora ci aprirà più opportunità.


Cosa diresti a qualcuno che vuole iniziare questo percorso come hai fatto tu?

R- Il mio consiglio a chiunque stia considerando una carriera in questo settore è di perseguirla solo se è la tua vera passione e l'unica cosa che ti rende veramente felice. Questa attività può essere dura e impegnativa, e non è per i deboli di cuore. Ci vuole molta perseveranza, duro lavoro e dedizione per farcela in questo campo. Ma se sei veramente appassionato e disposto a impegnarti, può essere una carriera gratificante e appagante. Quindi, segui il tuo cuore e insegui i tuoi sogni, ma preparati a lavorare sodo e non mollare mai.


Cosa rimpiangi e cosa avresti voluto sapere prima?

R- La vita è troppo breve ed è meglio lasciare i rimpianti sullo schermo in altri progetti.


Ben detto! Qual è il progetto dei tuoi sogni?

R- Ho molte idee per i film, ma se dovessi scegliere un libro classico da adattare in un film, "The Catcher in the Rye" sarebbe il progetto dei miei sogni.


Le tue radici sono portoricane e messicane, quanto le tue radici hanno plasmato l'artista che sei oggi?

R- Le mie radici messicane e portoricane mi hanno plasmato in modi che non ho realizzato fino a tardi nella vita. La verità è che l'industria, in molti modi, è stata progettata per farmi vergognare delle mie radici. Le storie che riflettono la vita, l'amore e l'aspetto di persone come me non sono mai state raccontate. Questa esperienza mi ha indurito, rendendomi pronto a sbattere costantemente le porte in faccia. Tuttavia, ha anche alimentato il mio desiderio di creare cambiamenti e raccontare storie che riflettano la mia comunità.


The cast of An Oscar Winning Movie at the Merced Queer Film Festival

Sei cresciuto in America come la maggior parte del cast e della troupe, come vedi l'industria cinematografica americana e cosa cambieresti?

R- Vedo l'industria dell'intrattenimento come un vasto regno dal potenziale infinito, eppure spesso sembra vincolata da schemi prevedibili. Allo stesso tempo, può sembrare un circo di favoritismo e clientelismo.


Cosa ti aspetti dal futuro? Cosa speri ti porti a livello professionale?

R- Non ho aspettative, ma spero di poter ottenere finanziamenti o anche un progetto in studio.


A chi consiglieresti questo progetto e perché? (Chi è il tuo target di riferimento? Chi pensi che apprezzerebbe il tuo lavoro?

R- Lo consiglio vivamente a chiunque voglia vivere un momento divertente, campy e pieno di queer. Penso anche che chiunque ami semplicemente divertirsi amerà lo spettacolo.


Ci sono altri lavori in corso?

R- Mi piacerebbe che le persone guardassero LAST GASP, l'altro mio show che al momento è in post-produzione della seconda stagione.


Grazie per il tuo tempo, è stato un vero piacere conoscere meglio te e le tue opere!

R- Grazie mille!


Se vuoi contattare Robert, inviagli un'e-mail a

rjeromep@gmail.com


SEGUI IL VIAGGIO DI ROBERT QUI:

WEBSITES AND SOCIAL MEDIA





Se vuoi anche tu fare un'intervista con noi, mandaci i tuoi lavori su Film Freeway.



5 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page