top of page

Un racconto distopico: Nicotine una realtà in bianco e nero dalla Turchia.


Ilkan Devrim Dinç è docente presso la Facoltà di Belle Arti di un'università pubblica nella città di Troia, in Turchia. La mia area è la computer grafica e gli effetti visivi. Sono nato nell'89 a Istanbul e sono cresciuto nel centro di Istanbul principalmente nella zona di Kadıkoy. Ho conseguito la laurea in animazione e anche la mia università era a Istanbul. Poi, si è trasferito a Toronto, in Canada, e ha studiato produzione di effetti visivi all'Humber College durante la mia laurea post-laurea. Ho lavorato nell'industria a Toronto e sono tornato a Istanbul per il mio dottorato in Cinema Studies. ha iniziato a lavorare come accademico nel 2017 e ha conseguito il dottorato di ricerca nel 2021. Negli ultimi tre anni vivo a Troy e lavoro alla Canakkale University. Sto anche realizzando film indipendenti e Nicotine era uno di questi.


Quando hai scoperto che questo era il tuo percorso professionale?

I- Grazie per l'intervista prima di tutto. Credo di aver sempre saputo che sarei diventato un artista fin dall'infanzia, ma non ero sicuro di quale. E fino ad oggi, non riuscivo ancora a scegliere un ramo artistico specifico! Quindi sto cercando di sperimentarli tutti in una volta, suppongo.


Nicotine è un film di fantascienza post-apocalittico e distopico che ha un approccio piuttosto avanguardistico. Abbiamo trovato il tuo cortometraggio molto interessante, il Covid ha qualcosa a che fare con l'ispirazione per questo progetto?

I- In realtà no. Si tratta di una prospettiva più ampia dell'umanità. Riguarda tutto ciò che facciamo, come esseri umani, dall'alba dei tempi. Riguarda la natura umana. Riguarda l'oscurità che abbiamo tutti laggiù da qualche parte.

La tua cinematografia è sbalorditiva, perché hai scelto il bianco e nero?

I- La nostra cinematografia è forse la parte più importante dopo la recitazione. Poiché il nostro film non ha dialoghi, dovremmo raccontare la narrazione attraverso l'obiettivo e l'inquadratura. Credo che abbiamo sfruttato tutte le possibilità che avevamo per gridare contro la tirannia e l'oppressione con il potere delle nostre telecamere. Per rispondere alla seconda domanda, posso dire che tutto nella narrazione riguarda un forte contrasto; Deboli contro potenti, popolo contro governanti, schiavi contro padroni e adoratori contro il Signore. Quindi è stata la ragione principale per utilizzare la prospettiva del colore in bianco e nero, ma anche il film mostra che anche se stiamo andando avanti nel tempo, l'umanità potrebbe distruggere tutto e potrebbe tornare indietro in un istante. Questo è il secondo punto sull'utilizzo del bianco e nero e sulla modifica delle proporzioni nel processo di composizione.

Come hai conosciuto Doruk Sozen, il tuo co-regista?

I- Ho incontrato Doruk quando avevo 9 anni. È il figlio del mio prezioso cugina che amo teneramente come una sorella maggiore. E in realtà è nato nelle mie mani. Dal primo momento in cui l'ho visto, l'ho amato come un nipote e lui mi ha accettato come zio dopo essere cresciuto. Quindi abbiamo un rapporto molto speciale. Ma non è il motivo principale per cui abbiamo realizzato questo film insieme. Il motivo principale è che Doruk si è trasformato in una persona molto intelligente, sofisticata e sensibile come me, specialmente durante la sua formazione universitaria. La nostra prospettiva ideologica, la nostra ricerca di giustizia sociale e il nostro sostegno alle persone discriminate di qualsiasi razza, colore, religione e/o sessualità sono molto simili. Abbiamo lo stesso tipo di sensibilità nel tempo e questo ha reso il film piuttosto potente sotto questo aspetto, spero.


Qual è stata la sfida più grande per te?

I- Catturare le galline! Ahah.


Una curiosità divertente su Nicotine?

I- Un giorno prima delle riprese, dopo aver preso tutti i tipi di accordi per la produzione, l'attore originale che avrebbe dovuto interpretare "The Master" si è rotto un braccio, e proprio l'ultima sera ho convinto il direttore artistico Eser Gun a interpretare il personaggio . L'attore che avrebbe dovuto interpretare il personaggio non aveva capelli nella sua vita normale, ma Eser aveva dei capelli molto belli di cui si prende cura molto accuratamente. Quindi l'ultima sera abbiamo dovuto tagliargli i capelli ed è stato il momento più divertente della produzione.

Vieni dalla Turchia, com'è l'industria cinematografica nel tuo paese e cosa cambieresti?

I- Ho avuto una breve esperienza nell'industria cinematografica in Turchia prima di andare in Canada. E la cosa principale che ho visto è che tutti i tipi di persone di grande talento lavoravano ai livelli base, ma tutti i tipi di persone prive di talento e non istruite stavano dirigendo e/o producendo. Questo è stato il motivo principale per cui rivolgo i miei interessi al mondo accademico e al cinema indipendente. Ho anche lavorato a Toronto per quasi due anni, ma i lavori riguardavano principalmente le arti digitali. Quando sono tornato a Istanbul, volevo diventare un accademico e immagino che mi abbia dato la libertà artistica e finanziaria per creare la mia arte d'avanguardia.


İlkan, anche tu hai studiato in Canada qual è stata la tua esperienza?

I- L'esperienza in Canada che ho avuto è stata una vera avventura. Sono un ragazzo di una famiglia della classe operaia. quindi i miei genitori e non i miei parenti sono in realtà ricchi. Quando ho deciso di andare in Canada, avevamo risorse piuttosto limitate. Ma in qualche modo siamo riusciti a essere accettati e ad andare in un college a Toronto. Dovevo trovare un alloggio economico, dovevo cucinare e pulire da solo e dovevo trovare un lavoro il prima possibile. Ed ero solo un giovane di 23 anni che era a migliaia di chilometri dalla sua città natale tutto solo da solo. Ho fatto tutto in un modo relativamente veloce. Sono cresciuto a Istanbul, quindi lo stile di vita metropolitano era qualcosa a cui ero abituato e la vita notturna di Toronto era abbastanza divertente per me. Sono una persona amichevole, quindi ho stretto amicizia in pochissimo tempo e ho visto tutta Toronto il prima possibile. la natura, le persone e l'esperienza, in generale, sono state molto belle. È diventata come la mia seconda casa e fino ad oggi quel posto mi manca ancora moltissimo.


Qual è stato il processo di casting per trovare i tuoi attori?

I- L'attore che interpreta il personaggio dello schiavo Melih Karlik è uno studente di recitazione molto talentuosa del dipartimento di arti dello spettacolo della facoltà di belle arti per cui attualmente lavoro. Ho visto una delle sue esibizioni in una delle recite della nostra facoltà. La storia del personaggio di "The Master" è stata come l'ho raccontata proprio per una curiosità sul nostro cortometraggio. Quindi il resto delle cose che sono successe a Eser è ormai storia!

Qual è la parte migliore del tuo lavoro, qual è la tua fase preferita nel processo?

I- Per vedere i tuoi sogni e le tue visioni prendere vita davanti ai tuoi occhi. Realizzare un'opera d'arte molto complessa utilizzando molti mezzi e tecnologie e, dopo la dedizione, creare nuove percezioni e nuove realtà. È la cosa più vicina alla magia al mondo. E non c'è niente di meglio da provare guardando quella magia che accade sullo schermo. Influenzare le percezioni di altre persone come te.


Cosa diresti a qualcuno che vuole iniziare questo percorso come hai fatto tu?

I-Non mollare mai! Mai arrendersi! E mai scendere a compromessi!

Cosa rimpiangi e cosa avresti voluto sapere prima?

I- Non ho rimpianti. Non vorrei sapere le cose che ho imparato durante il viaggio.


Qual è il progetto dei tuoi sogni?

I- Realizzare un film che ha una storia che accade in quattro diversi paesi in quattro diverse linee temporali storiche.

A chi consiglieresti questo cortometraggio e perché?

I- Sono sempre stato un ribelle e lo sarò sempre! Quindi, se sei contrario alle ideologie e agli stili di vita tradizionali, guarda il nostro film. Accenderà la fiamma!

Cosa ti aspetti dal futuro? Cosa speri ti porti a livello professionale?

I- Spero di raccontare storie e aprire le menti dei giovani artisti come faccio ora. Ma in una prospettiva più ampia. Più pubblico e più studenti!


Come sta andando con i festival finora?

I- Abbiamo girato due film in una sequenza temporale molto ravvicinata. E ha inviato i nostri film allo stesso tempo. In totale, abbiamo più di 20 premi e quasi 20 selezioni ufficiali in 3 mesi. Quindi sta andando alla grande.


Cosa c'è dopo per te?

I- Sto progettando di realizzare il mio secondo lungometraggio nell'estate di quest'anno. La sceneggiatura è pronta e il processo di pre-produzione sta andando alla grande. Ho un ottimo casting e questo nuovo film sarà girato nell'antica città di Knidos, Datca; una delle meraviglie della Turchia, un paradiso terrestre. La penisola nel punto in cui il Mediterraneo e il Mar Egeo si incontrano, il nostro nuovo sogno diventerà realtà. Quindi, come squadra, siamo tutti così entusiasti di questo nuovo progetto.

Grazie per il tuo tempo, ti auguriamo il meglio per la tua carriera e i tuoi progetti futuri e non vediamo l'ora di vedere cosa ti aspetta!

I- Grazie mille per tutto, tanti auguri per questo grande festival, è stato un onore!


Se vuoi contattare Ilkan, mandagli un'e-mail a:

devrimidinc@gmail.com


FOLLOW ILKAN'S JOURNEY

Nicotine Trailer


WATCH NICOTINE HERE:




WEBSITES AND SOCIAL MEDIA



Se anche tu vuoi fare un'intervista con noi, inviaci i tuoi lavori su Film Freeway.






3 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page