top of page
  • Immagine del redattoreF.C

Rogelio Robles e il suo contagioso divertimento per i suoi primi passi nel cinema.



Rogelio "Roy" Robles ha iniziato a dirigere meno di un anno fa. Ha iniziato il suo viaggio con il cortometraggio Dark Room. Nel 2023 Roy prevede di realizzare 3 cortometraggi; Red Room Requiem, Collected and Enough. Abbiamo avuto la fortuna di incontrare il regista per un'intervista.


Benvenuto Rogelio! Grazie per esserti unito a noi, raccontaci di te, quando hai scoperto che questo era il tuo percorso professionale?

R- Ciao a tutti! Bene, circa un anno fa, o giù di lì, ho deciso che sarei passato dalla scrittura di libri, alla scrittura e alla regia di film. Ho iniziato a girare il mio primo cortometraggio Dark Room nel luglio del 2022 e in quel momento ho capito, wow questo è per me!


Quali cineasti ti hanno ispirato e perché?

R- David Lynch e David Cronenberg. David Lynch per il suo surrealismo e lo stile nei suoi film è perfetto per me. Ricordo solo di essermi seduto lì a guardare Eraserhead per la prima volta e di provare questa sensazione spiacevole come se stessi vivendo in un incubo. Ahah è stato meraviglioso. Cronenberg per il body horror sicuramente. E i suoi film sono sempre ben scritti e diretti.


Parlaci di Dark Room.

R- Dark Room è un cortometraggio su un uomo che perde tutto, compresa la sua mente. E nel film lo vediamo calmarsi. È meraviglioso davvero.


Qual è stata la sfida più grande per te?

R- Post produzione. Sicuramente il montaggio del film.


A chi consiglieresti questo cortometraggio e perché? Chi è il tuo target di riferimento?

R- Sicuramente tutti i fan dell'horror. Ma anche quelle persone che hanno sofferto per la perdita e si sentivano come se stessero impazzendo. Sì, ti vedo lì a soffrire, non sei solo.


Cosa ha ispirato il tuo lavoro?

R- Dark Room è iniziato come un'idea per un libro. Stavo per scrivere Red Room Requiem, che è il seguito di Dark Room. Ma ho deciso che sarei passato al cinema. Mi sentivo come se avessi bisogno di fare un prequel per mostrare la caduta del personaggio e ciò che ha portato alla sua rabbia omicida.


Qual è stata la scelta stilistica dietro l'alternanza di inquadrature verticali e orizzontali? Qual è stato il processo dietro di esso? Ci siamo sentiti come intrappolati nelle inquadrature verticali come a rappresentare la follia che sta vivendo.

R- Sì! Significa che i muri si stavano chiudendo su di lui, anche se stava accadendo nella sua mente, volevo poterlo mostrare anche sullo schermo.

Chris Rivera sul set

Il corto è rappresentato da diverse scelte cromatiche, qual è il significato dietro?

R- E' in bianco e nero per la maggior parte del film. Alla fine si trova davanti alla Sala Rossa. Che sarà la stanza principale del mio prossimo corto Red Room Requiem. È lì che terrà tutte le sue vittime.


Allora resteremo sicuramente sintonizzati per i prossimi capitoli!


Il dolore è un'emozione così profonda da rappresentare attraverso l'arte, qual è la tua opinione sull'argomento con Dark Room?

R- Vediamo all'inizio come tiene tristemente la foto e quel doloree agonia si accumulano per tutto il film. Il modo in cui urla e il suo linguaggio del corpo rappresentano tutti i cambiamenti con cui ha a che fare.


Una curiosità sul tuo cortometraggio.

R- Anche se il film rappresenta davvero la tristezza e il dolore. Stavamo ridendo molto ahah è stato un bel momento. E mio figlio ha avuto modo di farne parte, quindi è stato bello!


Che bella idea avere tuo figlio sul set!


Qual è la parte migliore del tuo lavoro, qual è la tua fase preferita nel processo?

R- Filmare, guardare gli attori fare le loro cose e inserire idee mentre mi vengono in mente. È così divertente!

Quando si tratta del processo di casting, qual era il tuo obiettivo? Com'è stata l'esperienza?

R- Per Dark Room, Chris aveva solo il look che stavo cercando e umm sì, ha completamente ucciso il suo ruolo.


Come sta andando con i festival finora?

R- Fenomenale! 5 selezioni, 2 posti semifinalisti. Ho molto di più da fare quest'anno. Compreso il tuo fantastico festival. Grazie ancora per l'intervista.


Siamo onorati di assistere ai tuoi primi passi nel settore e alle tue vittorie ai vari festival.


Come hai vissuto il COVID19 come creativo?

R- Covid mi ha preso a calci in culo ahah, ero depresso per la maggior parte del tempo e le incertezze di tornare alla normalità erano semplicemente troppo per me da affrontare. Quindi sicuramente non mi ha aiutato affatto in un aspetto creativo.


Cosa diresti a qualcuno che vuole iniziare questo percorso come hai fatto tu? Cosa rimpiangi e cosa avresti voluto sapere prima?

R- Fallo! Non esitare! Fallo! Vivi il tuo sogno. Se è davvero ciò che sei destinato a fare, funzionerà magnificamente. Non ho rimpianti. Rimani concentrato.


Qual è il progetto dei tuoi sogni?

R-Mi piacerebbe lavorare con i film Neon o A24 che sarebbe un sogno che si avvera.


Grazie Rogelio Robles per aver inviato il tuo lavoro con noi! È stato un piacere averti!

R- Grazie per questo, è stato meraviglioso! Il piacere è mio!


Segui Rogelio qui:



Guarda Dark Room qui:

Se anche tu vuoi fare un'intervista con noi, inviaci i tuoi lavori su Film Freeway.

Lascia un commento, puoi registrarti o accedere con Facebook o Gmail.

11 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page